22 dicembre 2015

Etichette che passione

Ne approfitto per uno stacchetto pubblicitario. Piccolo piccolo, giuro, non vi tolgo tanto tempo. 
Plin plon. 
Si realizzano su commissione etichette per vini, birre, salse, liquori, confetture, qualunque cosa vi venga in mente. Livelli di personalizzazione infiniti. Voi dite, io faccio. Venghino siori venghino, l'affare è buono.
Fine stacchetto.
Nel frattempo si è fatta notte... ed è quasi Natale.




20 dicembre 2015

Vini di casa

Progettare etichette per i vini è stato un mio sogno da sempre. Sarei capace di comprare una bottiglia anche soltanto per avere l'etichetta. Alzi la mano chi di voi non ha mai avuto la tentazione. Un po' come la copertina di un libro o di un disco. Si sa che sono il pezzo forte di tutta l'opera. Una copertina sbagliata può far fallire un progetto, quelli del mestiere lo sanno. Per cui stasera mi cimento col vino imbottigliato in casa, che poverino non ha mai avuto un'etichetta come tutti gli altri. Ora mio papà vorrebbe che gliene inventassi una per la vigilia di Natale, così eccomi a fare notte davanti al computer. Qui sotto tre versioni con delle vecchie conoscenze mie. Ancora da calibrare i toni dei colori ma con immagini a così bassa risoluzione è tutta una sorpresa. La prima versione è quella che preferisco. 
Urca che tardi che è. Ciaociao.


19 dicembre 2015

E due

Ecco qua, stavolta dico ok, ci sto sopra da troppo. Questa qui sotto è la versione definitiva della seconda prova del Mats A, quella dell'Home Décor. Alla fine con lo Staffordshire non mi pare ci azzecchi molto, ma non posso farci niente, è venuto fuori così, tra l'altro mi piace anche molto. Ossia, io me lo comprerei un servizietto come questo. E mi pare che lo scopo del corso sia proprio una cosa del genere, oltre che imparare e divertirsi. Quindi: sto imparando? Sì. Mi sto divertendo? Ammazza. Mi comprerei la roba che disegno? Eccome. Totale: va bene così. 
Tutto lavorato a china su carta (ho usato anche Fata Foglia), poi scansionato e ricomposto con Illustrator. 
Sotto la prima versione della tavola, su cui ho rimesso le mani perché non mi suonava. Sono stati utilissimi anche alcuni consigli di altre artiste che stanno seguendo il corso come me. 
Fatto. Ye.  



17 dicembre 2015

Home décor, primi schizzi

Alcune schizzi per il compito di Home décor. Piatti i stile Staffordshire. Sirene e signore dell'alta società, fiori e frutta. Very british. I cavalli poi non guastano mai. Non so se la linea poi sarà questa, per il momento mi limito a disegnare. Le idee vengono strada facendo.


12 dicembre 2015

Illustratori notturni (ossia tutti)

Ecco, ci siamo con il secondo compitino del corso. Il mercato è quello dell'Home Décor e il tema, mi sembra di averlo già scritto da qualche parte, è la ceramica Staffordshire. Dunque, premetto che proprio il tema in questione non mi piace manco un po' e anzi mi preoccupa pure. Per cui sto cercando il modo per rendermelo simpatico deviando sui tutt'altro. Credo di riuscirci, nonostante il ritardissimo sulla tabella di marcia. Ossia, in teoria dovrei consegnare domani. Ahahahahaha. Intanto proverei con fiorellini e piccoli esseri. Domani mi butterò sulle felci e vediamo che cosa esce. Adesso però buonanotte eh. Anche l'illustratore notturno alla fine deve cedere.

Qualche uccellino e fiori a non finire per questo mio primo tentativo di home décor. 

10 dicembre 2015

E uno

Questa la tavola definitiva del primo compito del MATS A. Il tema, relativo al mercato delle stoffe decorative, era la cucina old style, con elementi vari, tra cui pasta (si!!!) e vecchie pirofile.
Ho lavorato diverse ore di notte alla definizione delle icone da usare per il pattern. Quanto allo stile, dopo averne provati differenti (acquarello, matite colorate, matite eccetera), alla fine ho scelto quello che sento più mio, il solito inchiostro. La colorazione è digitale. Santo Illustrator, non mi stancherò mai di dirlo. Contenta. Questo corso mi sta piacendo tantissimo, anche se comincio a essere in affanno di riposo.

***

Here is my final entry fot the first MATS A assignment. The theme was old style kitchen stuff, and we had to use various elements as icons to be repeated. First of all pasta and Pyrex. I've spent several hours at night in the past week in trying to make icons from messy sketches and that's what has come out. I've tested several style (watercolour, coloured pencils, graphite etc.) before chosing the one I'm most familiar with: line drawing. Then a bit of digital colouring and voilà, the pasta is done. 
I'm loving this course. It's even better than I was expecting. Happy me. 





Una prima versione della tavola, con qualche colore in più. 

2 dicembre 2015

Rosso di sera, anzi di notte

Schizzetto per distrarmi dalle fatiche del corso. Una bella signorina pel di carota che ha la stessa faccia che ho io quando ascolto Steven Wilson.


30 novembre 2015

A scuola di Arte Applicata

All'opera. Manco inizio e già sto con l'acqua alla gola. Ma che goduria, sentite. Mi sono iscritta all'intero corso, "di diploma", come dicono loro. Nove/dieci mesi di full immersion nell'arte applicata al mercato. Sono sicura che alla fine mi spareranno in orbita come un siluro. Se sopravvivo. Ditemi in bocca al lupo. 


24 novembre 2015

E voilà, ci sono dentro

Così si va, mi sono iscritta al corso MATS Part A. Per chi fosse interessato, venerdì è l'inizio ufficiale di questa tornata, e il corso ha la durata di cinque settimane (molto intensivo), anche se di fatto ognuno può regolare la cadenza dei compiti come si sente. Credo che l'importante sia darsi delle scadenze logiche e rispettarle. Nel lavoro poi non va così. Sono gli altri a darti le scadenze. E te le danno illogiche. 
 
Comincia l'avvicinamento al corso. Prima di tutto un'attenta valutazione del materiale che si ha (che di solito è anche una bella scusa per comprare cose nuove). Poi verrà la preparazione fisica del luogo dove lavorare. La vedo dura. Comunque forza e coraggio!



18 novembre 2015

Ehi... ma che mi frulla per la testa?

Ok. Calma e sangue freddo. Sto seriamente valutando l'ipotesi di iscrivermi al corso online Make Arte That Sells di Lilla Rogers, il fantomatico MATS di cui ho tanto sentito parlare in Instagram. L'obiettivo di questo corso, come di tutti gli altri tenuti dalla Rogers, è sviluppare il proprio stile e indirizzarlo verso settori precisi come l'home décor, l'editoria infantile, il tessile, gli accessori di carta eccetera. In poche parole, costruire passo passo un portfolio che spacca, davanti al quale nessun cliente con un po' di sale in zucca abbia la faccia di rifiutare un sì. Il corso che avrei scelto (MATS Part A) non costa poco, e l'impegno che si richiede è notevole, almeno per il poco tempo che ho, ma è pure vero che chi non risica non rosica, e finora il detto mi ha portato bene. Non voglio lasciare nulla di intentato. Guardate qua sotto che lavori splendidi. Incantata io.  


Kate Mason, vincitrice del contest di quest'anno. Brava brava brava.

Rebecca Jones

Barbara Chotiner. Che bello stile.

Helen Dardik. 

Zoe Ingram.

16 novembre 2015

Giochetti

Rimettevo a posto il book dopo solo quattro anni ed ecco che sbuca un vecchio schizzo. Fatto mesi fa per provare i colori a olio solubili in acqua (Winsor&Newton Artisan). Stava a fare le ragnatele in mezzo a un blocco, come molti altri schizzi che non mi dicono niente. Così anziché buttarlo ci ho fatto sopra qualcosetta, tanto per vedere l'effetto. Inchiostro nero e gel bianco. Totale: me la sono spassata un po'.

Dettaglio del risultato. Riccioli di gel bianco.

Il gel in primo piano.

Il vecchio olio com'era prima.

13 novembre 2015

Fata Foglia

Ed ecco l'immagine reale. Fata Foglia. Bozzetto per un progetto di libro d'arte al quale sto lavorando da mesi e che mi impegna la testa in modo abbastanza tosto. Inchiostro e matite colorate. Ho usato la Copic Multiliner 0,03, con cui mi trovo molto bene, e le Caran d'Ache Supracolor Soft (sono ancora quelle che mi sono regalata per la laurea!). Ecco. L'ho cercato per anni il mio stile. In fondo ce l'avevo sotto mano da un bel pezzo.  
   
Fata Foglia

Le tre matite Supracolor che ho usato. Toni dal menta all'acquamarina.


Nel frattempo questo

Ecco due foto fatte al volo (col cellulare) al disegno di stasera. Come al solito il cellulare dà dominanti di colore che non si sa dove le piglia. Vero che ho accesa una lampadina infame, ma certe volte 'sti cosi esagerano. Ho dovuto sbiancare le foto, e il risultato, anche se in qualche modo può pure essere intrigante, è molto molto lontano dal vero. Domani scansiono. Domanda. Ovviamente sapete come la penso. Le foto fatte col cellulare sono foto fatte col cellulare e basta. Le foto vere sono un'altra cosa.    





Nel frattempo

Disegno. Stasera vado di inchiostro e matite, poi domani magari vi faccio vedere qualcosina. Nel frattempo mi capita sotto mano uno schizzo di tanti anni fa, forse otto. Lo metto qui. Per dire che ci sono. Non sono andata via, nonostante la latitanza. A volte la vita ti porta lontano, ti sballotta qua e là, ti ferisce. Ma i colori, se ce li hai dentro, non te li toglie nessuno.


12 novembre 2015

Nato!!!

Eccolo il pupetto, è nato. Dopo una gestazione di più di un anno vede la luce il manuale sul fumo che tanto ci ha tolto la serenità. Ma che soddisfazione. Pubblicato da Inail.


Stagioni

L'oro che mi fa luce ogni mattina, finché restano foglie lassù. Poi ci sarà vuoto per il sole che viene. Ma anche l'inverno ha del bello dentro, e a me piace pure lui. Qualcuno vorrebbe che fosse tutto l'anno estate.  Evidentemente non sa che cosa perderebbe a perdere le stagioni. 


Novità golosa

Novità golosa per amanti del genere: i nuovi marker ad acquarello Winsor&Newton. Ho una curiosità. Sono usciti or ora, alcuni già li stanno provando. E certo la curiosità è tanta. Non ho una foto, per ora, anzi una sì, eccola, dal sito di Dick Blick. Ma conterei di provarne un paio. Per vedere se come penso sono meglio dei Tombow.

   

8 novembre 2015

Autunno

Un giro per i boschi. Saluto l'autunno che avanza.  


18 agosto 2015

Si arteggia

E anche per oggi ce l'ho fatta, la mia oretta d'arte serale nonostante la stanchezza.
Ho riaperto la fida scatoletta di acquarelli per artisti Windsor&Newton e risfoderato il pennello ganzo col serbatoio a punta grossa Pentel. Mi scordo sempre quanta soddisfazione mi danno.
Adoro i miei ferri del mestiere.

Uno schizzetto al volo. Facce abbozzate a matita e colature di colore. Anche solo vedere la tavolozza fa bene alla salute.

Questo è il pennello in dettaglio (non proprio lo stesso modello, il mio è più panciuto, ma per dare un'idea va bene). Bellissima invenzione. Puoi portartelo sempre dietro, non sporca, non bagna, è sempre pronto. 


Questa la matita che sto usando ora. un portamine da creativi niente male. Zebra Drafix 2B. 

17 agosto 2015

Proviamo a riprendere i colori

Ricomincio a disegnare, evviva! Quanto mi mancava! Per ora sfrutto i momenti davanti alla tivvù, poi domani chi sa. L'idea è trovare una mezz'oretta ogni giorno, a costo di fare le ore piccole. Ma perché è così difficile?

Niente da dire su questo. Sono uno schizzetto fatto davanti alla tivvù.

9 luglio 2015

Post trasloco

Niente da scrivere. Il tempo è drammaticamente poco quando lavori lontanissimo da casa, e solo per spostarti coi mezzi (i mezzi infernali di Roma, tengo a precisare) ci metti tre ore. Vorrei indietro un po' del mio tempo. Di quello che avevo prima che mi spostassero a lavorare quaggiù. Ho molte cosette in cantiere, mi andrebbe di tornare a metterci le mani. Scusatemi se non pubblico regolarmente. Devo ancora trovare un equilibrio post trasloco.
Buon giovedì.
Buon luglio.

Marameo gatto cattivaccio. Lui e la sua faccia impunita. Mi ricorda che ho anche io i miei libri nel cassetto, ma se non li porto fuori io nessuno lo farà per me. 

1 luglio 2015

DaWanda nel prossimo futuro

Sono stata via per un po'. Assente, diciamo, ma mai troppo da non sentire il richiamo del blog. Sto rimettendo in piedi il mio negozietto virtuale su DaWanda. Non appena sarà pronto vi darò le coordinate. Novità non ce ne sono, salvo che forse davvero chiuderò Brillescintille, e stavolta sul serio, senza ripensamenti. Perché mi sembra sulla via di chiudersi da sé, come qualcosa che appartiene alla mia vita di prima. Quando le priorità cambiano se sei una blogger ti va di cambiare pure il blog. Giusto? Noi donne moderne.
Comunque buon mercoledì a tutti eh!



21 aprile 2015

Pratica

Altre tavole per il progetto su cui sto lavorando da un po'. E disegna che ti disegna Illustrator comincia a non avere più segreti per me. Per la serie "Aiutati che Dio ti aiuta". Non c'è niente come la pratica per imparare. Hai voglia a fare corsi di qua e workshop di là, con tutto il rispetto per chi li tiene. Alla fine se vuoi davvero impratichirti devi mettertici a testa bassa e stop.




14 aprile 2015

Pattern qua pattern là

Prove tecniche di pattern. Sono fresca di esperimenti, non schifatevi, questo è il primo. Semplice semplice. Ma mi impegnerò, promesso. Magari ci viene della robetta buona per stampare cuscini e cose varie un po' trendy, hai visto mai.
Buona settimana a tutti.

Il mio primo tentativo di pattern. Incoraggiatemi.

12 aprile 2015

Cinquanta sfumature di baccalà

Mi bolle un'idea. Se va in porto sostenetemi, per favore, ne avrò bisogno. Ho parlato del problema già qualche post fa, ma stasera mi va di ritirarlo fuori. La questione che se sei un autore esordiente nessuno ti pubblica e che ti considerano solo se:
1) hai contratto un capolavoro assoluto del calibro della Divina Commedia in venti pagine;
2) hai scritto (anche coi piedi, qui non fa differenza) un trattato sulle perversioni sessuali del tuo vicino di casa;
3) paghi bei soldini per acquistare dall'editore vagonate di copie del tuo libro da rivendere a tua nonna a tua zia al parroco al portalettere eccetera; 
4) hai scritto un romanzo che piace ma è troppo lungo per un libro d'esordio allora lasci che l'editore lo sforbici trasformandolo in qualcosa che potresti anche non riconoscere più.
Ora, supponiamo che uno abbia scritto qualcosa (di non corto) a cui tiene in modo particolare e non gli vada di lasciarlo sforbiciare solo perché un romanzo d'esordio deve essere breve. Che cosa può inventarsi? 
Udite udite! Io incredibilmente stasera ho la risposta: esordire con un altro libro!
Oggi vanno tanto i libri che parlano di calori vari, basta metterci parti roventi e te li pubblicano. Sentite qua: io ora scrivo un bel mix di sesso e cucina. Tiè. Più calore di così. Irresistibile. Cinquanta sfumature di baccalà. Pruriti torridi ai fornelli. Chi non lo comprerebbe un libro che parla di questo? Vi sfido.
Poi magari non è vero che parla di questo, ma un po' di suspance che non ce la volete mettere? Serve solo come cavallo di Troia, mica deve essere alta letteratura. Piccolo e agile libricino d'esordio con cui esorcizzare la sfiga dell'esordiente. Che ideona. Poi zacchete!!! tiro fuori La goccia. Ahahahaha diabolica io.
Sostenetemi please!!!

Quando entro in guerra io lo faccio così. 



5 aprile 2015

Restyling

Restyling del sito in corso, su wix.com. Un po' di pazienza. Pensate di costruirvi un sito web da soli senza spendere una barca di soldi? O magari anche gratis? Date un'occhiatina a wix.com. Sembra molto buono. Se non si ha necessità di un nome di dominio proprio è completamente gratuito. Inoltre è facile da usare e altamente personalizzabile. Mi sta piacendo un sacco.  

Una delle mie tavole preferite. Ti conosco mascherina. Non c'entra niente con il testo del post, ma mi piaceva lo stesso mettercela. 

2 aprile 2015

Faticacce

Ecco l'ultima faticaccia di oggi. Che ve ne pare? Vado?

Tavola per il manuale su cui lavoro da mesi. Ma ci siamo quasi, ormai. Già vedo l'uscita del tunnel, là in fondo...


1 aprile 2015

Lavorincorso

Queste alcune delle tavole a cui sto lavorando ultimamente. 
Traduco: ammazzamento di ore e ore con gli occhi a crocetta e il fedele Illustrator che ogni tanto fa fumo, tanto per restare in tema. L'illustrazione digitale è una gradevole riscoperta. In accademia la trovavo straziante, non so perché, svicolavo tutte le lezioni. Eppure di insegnanti bravi ne ho avuti. Mistero. Si vede che non era il momento. E invece voilà, ora ci lavoro. Ossia, mi pagano per questo. Se mi vedesse il mio caro maestro di pittura magari gli piglierebbe un colpo. Ma no, poi, non credo. Era uomo illuminato. Avrebbe capito.
Ciao Tullio. Sulla nuvoletta lassù... 









31 marzo 2015

Girotondo di figurette

Mi distraggo dalla routine del lavoro (digitale) inventando figurette (digitali). Dovessi riposare troppo gli occhi. Adoro certi pattern che vedo nel web. Artisti illuminati, col senso della grafica e del colore, fanno queste cose meravigliose piene di fiori, animaletti, foglie. Mi immagino decorare una casa con tessuti stampati così... Che sogno! Quasi quasi lo faccio pure io. Poi ci arredo tutta casa.
Viva Illustrator. Mi diverto.