24 settembre 2014

Funzionano

Una primissima prova dei miei colori spray DIY (ossia fatti in casa, dall'inglese Do It Yourself, fattelo da solo). A sinistra gli acrilici, a destra le ecoline. Come da copione gli acrilici sono coprenti anche se diluiti. Ricordate che diluirli troppo, magari perché vi piacciono gli acquarelli ma li trovate troppo difficili da usare, fa perdere loro le caratteristiche di base, diventano stinti, slavati, pure un poco opachi, una roba senza carattere... in poche parole acquarelli brutti. Io, spray a parte, li amo puri. Lo spray ha il vantaggio di essere lì a portata di mano, è un gesto libero, spontaneo, i colori è come se si mescolassero nell'aria e viene fuori una pittura con una forte componente di casualità. Mi piace molto. 

Come accennato sopra, ho preparato anche le ecoline spray. Le ecoline sono inchiostri liquidi concentrati, l'acqua c'è già, quindi non occorrono colle o leganti. L'unica accortezza è stabilire la diluizione che si vuole.
Per dare un'idea, queste nella foto sono estremamente diluite, basta guardare com'è delicata la tinta che lasciano sulla carta. Non ho fotografato le altre perché sono scure, praticamente sembrano tutte uguali, bruttine. Per contro lasciano belle tinte decise.
Quanto al capitolo inconvenienti... Parlando di spray meglio fare attenzione a quello che si respira e ricavarsi un posticino dove poter inzaccherare tutto a piacere: ricordatevi che dove c'è acqua ci sono anche centomila sgocciolamenti. Tenete lontani gatti e bambini e in generale tutte quelle creaturine che quando vedono boccette e colori diventano matte e ci zompettano in mezzo.

Nessun commento: