27 novembre 2009

legno ferro note rosse



Tela 40 x 40 cm. Acrilici.
Mille strati sottili sottili e asciutti come polvere di farfalle.

blue bass


Un cartone telato 40 x 60 di recupero (tempo fa avevo iniziato a dipingerci uno degli strasoliti peperoni coi colori a olio; poi naturalmente mi sono stufata, e quindi una mano di gesso e il peperone non c'è più!). La foto è stata fatta non al buio ma quasi, e non rende giustizia. Rende solo l'idea.

23 novembre 2009

saxitudo


Nessuna pretesa di realismo. Per carità, non fa per me. Le mie figure si limitano ad accennare. Sono le sensazioni che contano, le emozioni, i colori. Qualche notizia sulla tecnica? L'effetto ruvido è nato per caso, si può dire. Uno sbaglio fatto nel preparare la tela col gesso acrilico: volevo una bella superficie liscia come il velluto, e invece il pennello ha deciso per una cosa ruvida ruvida. Questi pennelli moderni che prendono iniziative. Questo è il secondo sax della serie. Il primo è in corso d'opera (sta subendo un attacco di gel strutturante), e così altri tre loschi figuri del jazz. Bene. Si va.

11 novembre 2009

piano mood


Un 50 x 50 cm, sempre acrilico a secco, ma su tela con bordi dipinti.

lirico jazz



30 x 40 cm
Strati e strati di acrilico a secco, su cartone telato.

basso rosso



Il primo di tantissimi contrabassisti. Vabbè, magari tantissimi è un po' eccessivo. Facciamo due. Ma all'inizio di qualcosa, qualunque cosa, l'importante è metterci entusiasmo. O no?

jazzarancio


Comincio la serie dei jazzisti. Acrilico su cartone telato, senza una goccia d'acqua, quasi. "A secco".