2 luglio 2009

la guerra è finita



Le battaglie interiori.
Versione definitiva.
Il mio segno scapigliato, i colori.
Mi viene in mente il Cirano di Bergerac, di Rostand:

...sognar sereno e gaio, libero e indipendente
aver l'occhio sicuro, la voce possente
mettersi, quando piaccia, il feltro di traverso
per un sì... per un no... battersi, o fare un verso

Non c'entra niente con l'illustrazione, ma più o meno credo - o voglio illudermi - che alla fine del bruco ci sia davvero quel destino di farfalla che dicevo tempo fa.


Nessun commento: